Inserimento punto ordine del giorno assemblea condominiale

L’assemblea condominiale è prossima alla convocazione?
Hai un argomento che ti sta a cuore e vorresti venga inserito nell’ordine del giorno?
E’ possibile richiedere l’inserimento di uno o più punti nell’ordine del giorno dell’assemblea condominiale?
In questo approfondimento cercheremo di capire se è possibile inserire un argomento all’ordine del giorno e come farlo nel modo corretto.

Indice
1. Inserire un argomento all’ordine del giorno
2. Come richiedere l’inserimento punto ordine del giorno
3. L’amministratore che non inserisce l’argomento all’o.d.g.

Inserire un argomento all’ordine del giorno

La collaborazione tra condomini e amministratore è sempre auspicabile per la corretta gestione del condominio.
Non vi è dubbio che condomini o i consiglieri (quando nominati) dovrebbero attraverso una partecipazione attiva, suggerire all’amministratore, gli argomenti da discutere in assemblea.
Questi riflettono le esigenze e/o le problematiche emerse nella vita del condominio. E chi  più di ogni altro se non i condomini, ne sono a conoscenza?

Una improvvisa infiltrazione dal lastrico solare, la realizzazione di un manufatto non autorizzato. Sono tutti motivi che potrebbero far nascere l’esigenza di richiederne l’inserimento come punto all’ordine del giorno.

Ma chi decide l’ordine del giorno?
Può il condomino fare richiesta all’amministratore di includere uno o più punti all’ordine del giorno senza tener conto dei propri millesimi di proprietà?
Ovviamente si. Tuttavia è l’amministratore a decidere l’o.d.g. dell’assemblea condominiale.

Ricorda: solo gli argomenti all’ordine del giorno sono oggetto di delibera. Gli argomenti che emergono durante le ” varie ed eventuali”, non sono oggetto di delibera pena l’annullabilità.

Delibera su argomento non all’ordine del giorno

Come richiedere l’inserimento punto ordine del giorno

Fare una esplicita richiesta all’amministratore è il primo passo per vedere soddisfatto l’inserimento nell’ o.d.g. di un punto di proprio interesse. La richiesta all’amministratore va fatta attraverso una mail certificata o raccomandata con ricevuta di ritorno. Tuttavia l’amministratore ha la facoltà di valutare la rilevanza dell’argomento da inserire all’ordine del giorno. Dunque l’amministratore di condominio non è obbligato a farlo.

L’amministratore che non inserisce l’argomento all’o.d.g.

L’ordine del giorno è deciso dall’amministratore in relazione alle esigenze che emergono durante l’amministrazione del condominio. La valutazione della rilevanza dell’argomento spetta all’amministratore che può a suo insindacabile giudizio non soddisfare l’inserimento.

Cosa è possibile fare se l’amministratore non inserisce all’o.d.g. l’argomento?
E’ possibile affrontare l’argomento al termine dell’assemblea durante le questioni “varie ed eventuali”.
Si potrà avviare la discussione, ma non richiedere una votazione. Nel caso in cui l’argomento sia d’importanza rilevante e l’amministratore abbia peccato di leggerezza nel non averlo incluso tra i punti all’ordine del giorno, i condomini interessati potranno fare richiesta formale di una assemblea straordinaria per discuterne.

Domande Frequenti

  • E’ obbligatorio redigere l’ordine del giorno?
    Si, è obbligatorio.
  • Chi decide l’ordine del giorno?
    L’amministratore.
  • L’amministratore è obbligato ad inserire un punto suggerito da un condomino?
    No, non ha alcun obbligo.
  • E’ possibile affrontare un argomento che non è stato posto all’ordine del giorno?
    Si, ma solo al termine dell’assemblea tra le questioni “varie ed eventuali”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Don`t copy text!